altosalento riviera dei trulli         benvenuti in Puglia   

Home
STORIA E PREISTORIA
IL MARE
IL TERRITORIO
IL FOLCLORE
ARTE
LE GROTTE
I PUNTI CHIAVE
VALLE D ITRIA
ALTRI COMUNI
Bozzetti di viaggio

 

 

Altosalento riviera dei trulli

un territorio da favola

info-vacanze

prossimi eventi

 

 

 

ALTOSALENTO PUGLIA  nella nostra bella Italia

Una vacanza... tante emozioni - mare, trulli, masserie, storia, centri storici, gastronomia, parchi natura, parchi divertimenti e tanti eventi - -  VIDEO 1   VIDEO 2

Il Salento occupa la parte più meridionale della Puglia, siamo il tacco d’Italia. L'Altosalento è il territorio più a nord, là dove le ultime propaggini delle Murge lasciano il passo alla piana salentina; appartiene - l'area centrale trattata in questo lavoro- alla provincia di Brindisi della quale rappresenta la parte turisticamente più interessante e con maggiori presenze turistiche (700.000). Sino al 1927 il Salento, con la quasi totalità delle province odierne di Brindisi e Taranto, costituiva la provincia di Terra d’Otranto con capoluogo Lecce, un territorio vasto ma  con molte caratteristiche comuni che si riscontrano ancora oggi. Riportiamo,  in una pagina dedicata, quanto scriveva nella seconda metà dell’800 il Prof. Cosimo De Giorgi, dopo aver visitato la parte nord-occidentale dell'allora Terra d'Otranto, l'odierna area dell'Altosalento, le pagine sono tratte dal suo volume "La Provincia di Lecce – Bozzetti di viaggio".

Il comprensorio di cui si parla, particolarmente, in queste pagine,  copre una superficie di 550 kmq e una popolazione residente di 95.000 abitanti, comprende i comuni di Ostuni (33.000 ab.), Ceglie Messapica (21.000 ab.), San Vito dei Normanni (20.000 ab.), Carovigno (15.000 ab.) e San Michele Salentino (6.000 ab.).  Il territorio è, per buona parte collinare,  in particolare nel comune di Ceglie, 310 m. nel centro abitato e 382 m. nell’agro, in località Montedoro;  la fascia litoranea è pianeggiante. Il distretto turistico Altosalento-Riviera dei Trulli non è  comunque da intendersi con confini ben definiti e delineati dagli ambiti territoriali dei comuni, ma i confini sono aperti e non delimitati, trattandosi peraltro di una zona di confine fra le sub-regioni fisiche  del Salento e delle Murge. Siamo localizzati nella Murgia dei Trulli e, o anche, secondo alcuni testi, nel  Salento delle Murge. Restando alle definizioni classiche, comunque, Murgia dei Trulli comprenderebbe Alberobello, la Valle d’Itria e zone adiacenti caratterizzate dalla presenza dei trulli e amministrativamente a cavallo fra le province di Bari, Taranto e Brindisi; il Salento delle Murge identificherebbe la parte più bassa delle Murge tarantine e brindisine. L'Altosalento è l'area geografica non soltanto più a nord, ma anche a più alta altimetria del Salento (alto-Salento appunto) e presenta caratteristiche fisiche, culturali, sociali ed economiche simili, ma nel contempo diverse, dal Salento leccese e dalle Murge dell'entroterra barese e tarantino. Il nostro è un territorio  che nel corso dei secoli ha consolidato una sua identità,  resa unica dalle tracce ben visibili della nostra civiltà contadina fondata sulla "pietra" e che ha prodotto un'architettura rurale unica.  Da queste considerazioni nasce la tesi, che va consolidandosi in questi anni, di un territorio, salentino di certo, ma che non è una sua appendice settentrionale,  ma un territorio esso stesso diverso.Per questo  il nostro territorio non va chiamato, come spesso accade,  alto Salento, cioè  un aggettivo vicino a un sostantivo,  ma  ALTOSALENTO,  quindi, un nome proprio di territorio, che comprende tutti i comuni al centro e al  nord della provincia di Brindisi (da Oria in su) e i comuni di Martina Franca (TA) e Locorotondo (BA). Da quanto detto, risulta evidente, che  l'Altosalento è la risultante di una evoluzione organizzativa del territorio, il cui fulcro centrale è rappresentato dai cinque comuni trattati in questo sito, peraltro già uniti in un consorzio intercomunale.  Rileviamo con piacere,  a conferma di quanto da noi sostenuto, che da ultimo il Consorzio intercomunale Gal Alto Salento comprende anche i comuni di Villa Castelli e Fasano. Ci auguriamo che il Gal allarghi ulteriormente i suoi confini e che cambi il nome da Gal alto Salento a GAL ALTOSALENTO

Gli approfondimenti sono divisi in argomenti riguardanti:  storia e preistoria - il mare - il territorio - il folclore - arte - le grotte - i punti chiave - STUDIO E RICERCA - Di seguito link a siti turistici e definizione di "Altosalento" come riportata su "Wikipedia"


Riportiamo la definizione  di Altosalento tratta dal nostro sito, con nostra autorizzazione, presente su "Wikipedia l'enciclopedia libera" .

"All'interno della stessa area salentina è da ritenere valida la distinzione fra il Salento e l'Altosalento. Non riconducibile semplicemente alla parte settentrionale del territorio, ma comunque abbastanza simile in lingua e costumi da esservi associata, questa "terra di mezzo" non ha dei confini chiaramente definiti. Si può affermare che sia rappresentata dall'area situata fra la soglia messapica e Brindisi.

Dal punto di vista territoriale l'Altosalento è il territorio più a nord e a più alta altimetria del Salento, là dove le ultime propaggini delle Murge lasciano il passo alla pianura salentina. Comprende tutta l’area centro-nord della provincia di Brindisi e parte della valle d'Itria. Si tratta di una zona di confine fra le sub-regioni fisiche del Salento e delle Murge e presenta caratteristiche fisiche, culturali, sociali ed economiche simili, ma nel contempo diverse dal basso Salento e dalle Murge dell'entroterra barese e tarantino.

L'Altosalento rappresenta un territorio che nel corso dei secoli ha consolidato una sua identità, resa unica dalle tracce ben visibili della civiltà contadina fondata sulla "pietra" che ha prodotto una singolare architettura rurale con trulli, masserie e muretti a secco. Il comprensorio altosalentino va sempre più compattandosi in un'unica realtà economica-turistica. Fra le cittadine più rappresentative si segnalano: Brindisi, Ostuni, Ceglie Messapica, San Michele Salentino, Latiano, Oria, Francavilla Fontana, Mesagne, San Vito dei Normanni, Carovigno.

Nuova pagina da Giugno 2009 su "Wikipedia" alla voce "Altosalento". Un sentito grazie ai wikipediani che, hanno ritenuto opportuno inserire un sunto del nostro lavoro nelle voci attinenti dell'enciclopedia e per aver voluto divulgare il nome "proprio" di territorio "Altosalento" da noi proposto nel 2005 ,  al posto di  Alto Salento.

Altosalento

L'Altosalento è la zona più a nord ed a più alta altimetria del Salento. Questo territorio, però, si distingue sia dal Salento leccese che dall'entroterra barese: ha infatti alcune tradizioni sconosciute sia nell'una che nell'altra zona.

Geografia

La maggior parte del territorio dell'Altosalento è compreso nel centro e nel nord della provincia di Brindisi, ma ne fanno parte anche i comuni di Martina Franca (in provincia di Taranto) e Locorotondo (in provincia di Bari).

I comuni che si trovano al suo interno ,quindi, sono: Brindisi, Carovigno, Ceglie Messapica, Cisternino, Fasano, Francavilla Fontana, Latiano, Locorotondo, Martina Franca, Mesagne, Oria, Ostuni, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni e Villa Castelli.

Paesaggio

Il paesaggio altosalentino è costituito, nell'entroterra, dalle dolci ondulazioni delle Murge meridionali, che raramente superano i 350 metri s.l.m. Su questi rilievi si intravedono i coni dei trulli, che in questa zona sono molto diffusi, e la vegetazione è costituita da ulivi, macchia mediterranea e querce.

Ad est le colline lasciano il posto al mare Adriatico, che si sviluppa per 40 km, con lunghe spiagge e dune coperte di macchia mediterranea alternate a insenature sabbiose, e tratti di scogliere. In questi 40 km di costa è compresa anche la riserva naturale di Torre Guaceto. Da segnalare le spiagge di Carovigno (Bandiera Blu nel 2007) e di Ostuni (Bandiera Blu nel 2007, 2008 e 2009).
 

Clima

Il clima è mediterraneo, con estati calde ed inverni non troppo freddi. Raramente si sono verificate di un certo rilievo, in cui la neve ha superato i 20 cm d'altezza, anche se le gelate notturne sono frequenti. D'estate, invece, la temperatura molto raramente tocca e supera i 40° gradi.

Storia

L'Altosalento è stato abitato sin dalla preistoria, come dimostrano alcune scoperte fatte negli anni passati; in particolare, la “grotta della maternità” a Ostuni, in cui, nel 1991, fu ritrovata la sepoltura di una donna con il suo feto, risalente a oltre 25.000 anni fa: Delia, il cui calco è visibile nel museo delle Civiltà Preclassiche delle Murge Meridionali nel centro storico di Ostuni. Interessanti sono anche i ritrovamenti d’epoca preistorica nel territorio di Carovigno; nel territorio di Ceglie, inoltre, in località Donna Lucrezia nel 1996 è stato scoperto un sito archeologico preistorico risalente a 100.000 anni fa alla fine del Paleolitico Inferiore.

Successivamente il territorio è stato occupato dai Messapi, le cui capitali erano Oria e Ceglie (data la loro posizione startegica). Erano suddivisi in varie città-stato, simili alle polis greche: infatti ogni città aveva un re e proprie leggi, anche se si era consapevoli di appartenere ad un'unica civiltà. La polis messapica non era formata solo dalla città ma comprendeva il territorio circostante con i villaggi, gli avamposti militari e i porti, oltre a campagna destinata alle coltivazioni (vite, ulivo e fichi) e al pascolo.

Questo popolo è stato quasi sempre in conflitto con la potente Taranto, che riuscì a sconfiggere grazie ad una giusta applicazione delle tecniche militari in un territorio che presenta grotte nascoste e numerosi dirupi.

Dopo i vari scontri con Taranto, resa molto debole, la popolazione fu assoggettata da Roma, con il quale riuscì ad intraprendere vari accordi e ad assicurare un periodo di stabilità.

Durante il medioevo subì invasioni da parte dei Saraceni e le città si spopolarono: nacquero così numerosi casali, che con il tempo si fusero formando un'unica città. In tutto il territorio furono costruite torri d'avvistamento, castelli e numerose altre tecniche di difesa miltare per evitare altre incursioni barbare.

Tra XVI e XVIII secolo i feudi di Oria e Francavilla Fontana raggiunsero il massimo splendore: grazie ai loro feudatari, infatti, furono aperte botteghe e scuole, e si trasferirono ivi molti letterati ed artisti. Nello stesso momento, però, si diffondeva anche il fenomeno del brigantaggio, che ha avuto come suo massimo esponente a livello locale Ciro Annichiarico.

Durante l'Ottocento ci furono in tutti i comuni varie rivolte risorgimentali e si crearono molte sette carbonare, che furono sterminate dall'esercito borbonico. Dopo l'Unità d'Italia, l'Altosalento (escluse Fasano, Cisternino e Locorotondo), fu incluso nella Terra d'Otranto. Nel Novecento furono istituite le nuove province di Taranto e Brindisi (rispettivamente nel 1923 e nel 1927) e negli ultimi decenni l'intero territorio ha conosciuto un discreto sviluppo, soprattutto nel settore turistico. Inoltre, è stato costituito il consorzio GAL Altosalento tra i comuni di Carovigno, Ostuni, Ceglie Messapica, Villa Castelli (dal marzo 2009), San Michele Salentino e San Vito dei Normanni, avente come scopo la promozione di un distretto turistico altosalentino e la valorizzazione delle potenzialità del territorio.

Profilo linguistico

Nell'Altosalento si distinguono tre tipi di dialetti:

  • Dialetto brindisino, parlato nella zona centrale
  • Dialetto di transizione apulo-salentino, parlato nei comuni di Ceglie Messapica, San Michele Salentino, Villa Castelli e Ostuni
  • Dialetto barese, parlato nelle rispettive varianti a Martina Franca, Locorotondo e Fasano

Architettura e urbanistica

In tutta la parte centrale dell’Altosalento, nei soli centri urbani, ci sono oltre 50 chiese con affreschi e tele, antiche statue lignee o in cartapesta o in pietra o anche d’argento. Alcune hanno un aspetto mastodontico come la Cattedrale di Ostuni o la Basilica di San Vito dei Normanni, e vi è anche una serie di stili diversi, che vanno dal romanico al barocco; un'altra chiesa, imponente per il suo aspetto, è la Chiesa Matrice di Francavilla Fontana, con una grande facciata barocca e con la cupola più alta dell'intero Salento.

Non si possono, inoltre, non richiamare le forme d'arte più semplici e autentiche del territorio come i trulli, le masserie e i tipici centri storici di città come Cisternino o Ostuni, costituiti da vicoli stretti e case fatte con calce bianchissima.

Economia

L'economia dell'Altosalento un tempo si basava solo sull'agricoltura. Daglia nni '60, però, si è avuta un'evoluzione anche nei settori secondario e terziario. Inoltre, grazie alle importantissime risorse turistiche, è stato dato grande impulso anche al turismo.

Agricoltura

L'agricoltura è stata per secoli la principale risorsa del territorio, con estesi terreni adibiti principalmente alla coltura dell'ulivo, della vite, del ciliegio, del mandorlo e del grano.

Industria

Il settore secondario si è sviluppato con maggiore vigore nei centri di medio-grandi dimensioni, tipo Brindisi, Ostuni, Francavilla e Martina Franca. Brindisi ospita l'idustria aeronautica ed energetica (sono attive grandi centrali per la produzione dell'energia elettrica ed è prevista la realizzazione del più grande parco fotovoltaico d'Europa); nei centri di Martina, Francavilla e Ostuni si sono sviluppate piccole e medie imprese attive in molteplici settori. Nei centri restanti, inoltre, si rileva la presenza di piccole aziende.

Turismo

Il turismo è il settore che porta più ricchezza nel territorio, grazie alla presenza di oltre 700.000 persone all'anno, che visitano i centri più caratteristici (Ostuni, Cisternino, la Valle d'Itria e Brindisi) e che sono attratti dalla fantastica atmosfera dei trulli. Inoltre giocano un ruolo centrale nel settore turistico i centri balneari e lo zoo Safari di Fasano, conosciuto in tutta Italia.

Infrastrutture e trasporti

Strade

I principali assi viari sono:

  • Strada Statale 16 Adriatica
  • Strada statale 379
  • Strada Statale 7 Via Appia

Ferrovie

I collegamenti ferroviari sono assicurati da:

  • Le Ferrovie dello Stato, con le linee Taranto - Brindisi e Bari - Lecce.
  • Le Ferrovie del Sud-Est, che raggiungono i centri dell'entroterra tramite alcune linee locali.

Porti

Il porto principale è il porto di Brindisi, mercantile, commerciale turistico. Effettua collegamenti con i porti dell'Albania della Grecia. Ci sono altri porti minori nei territori di Ostuni e Fasano.

Aeroporti

L'aeroporto più importante dell'Altosalento è l'Aeroporto di Brindisi-Casale, serve tutto il Salento ed effettua collegamenti con le maggiori città italiane e con alcune città europee.

Bibliografia

Tesi di Laurea "Distretto Turistico Altosalento Riviera dei Trulli" di Giuseppe Fedele (2005)


La nostra bella Italia

                       Lago Maggiore     Toscana     Isola d'Elba      Il Palio di Siena     Castelgandolfo     Abruzzo     Minturno Scauri-Golfo di Gaeta    

                  Lago Laceno-Appenino Campano     Parco e mare del Cilento    Sila Lorica - Montagna Calabria     Tropea - Mare Calabria         

Lecce     Santa Maria di Leuca      Vieste-Gargano      


Nome
E-mail
provenienza
Messaggio

dopo aver compilato tutti i campi  


home         il mare          angoli di mare          i trulli         angoli di trulli         vacanze          prossimamente