altosalento riviera dei trulli         benvenuti in Puglia

 

Home ] Su ]

 

san vito dei normanni      Le cripte di San Biagio

I monaci basiliani fondarono nel sud della Puglia varie comunita' e si rifugiano nelle grotte della zona. Siamo intorno all'anno 1000, una importante comunità di questi monaci fondarono un intero villaggio ben organizzato a  7  km da San Vito.   

Sono varie grotte costruite nella roccia; si ammirano affreschi che raffigurano  San Biagio ed eventi narrati nei testi sacri, e una grande caverna, probabilmente un locale comunitario. All’interno si distinguono due zone, il “naos” (affrescata) dove si celebrava il rito greco, e l’altra non affrescata riservata al popolo (bema).

Questi insediamenti rupestri, fra i più importanti del Salento, sono dunque rilevanti per le pitture bizantine e la volta divisa in cinque sezioni con affreschi che rappresentano i quattro evangelisti, l'Annunciazione, la fuga in Egitto con Maria su un cavallo bianco, la presentazione al tempio e l'ingresso di Gesù in Gerusalemme.

Alcuni affreschi votivi sono dedicati ai Santi orientali, come San Biagio, San Nicola, Sant’Andrea, e a quelli latini, come San Giorgio, San Giacomo, San Giovanni. La cripta conserva dei brani affrescati datati da un’iscrizione in greco al 1196.

Su una parete è affrescata la Natività con la Vergine e il bambino, San Giuseppe, l'angelo con i pastori e i Magi. Durante il periodo natalizio in questo scenario suggestivo viene presentato un singolare presepe vivente. 

La Cripta di San Biagio nel Dicembre 2011 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di "Meraviglia italiana".

Lungo il vallone delle grotte di San Biagio, scorre il canale Reale uno dei pochi corsi d'acqua sorgiva e piovana del Salento, percorribile lungo sentieri che portano in direzione dell'oasi naturale di Torre Guaceto.

La cripta di San Biagio è visitabile, come pure la cripta della Madonna del Belvedere a Carovigno, ma tante altre chiese-cripte sono non aperte al pubblico ma altrettanto belle e ricche di storia.

Fra le altre chiese cripte, con affreschi basiliani,  segnaliamo a Ceglie,  la grotta della Madonna della Grotta, sovrastata da una chiesetta del 300 con campanile a vela e la grotta di San Michele con gigantesche colonne stalagmitiche.

Sono poi tantissime le cavità carsiche del territorio altosalentino ricche di stalattiti e stalagmiti: le più importanti grotte, ben illuminate e comodamente percorribili, sono le meravigliose grotte di Montevicoli a Ceglie Messapica.


Home     Prossimi eventi     Strutture turistiche