ALTOSALENTO RIVIERA DEI TRULLI  benvenuti in Puglia

Home ] Su ]

LOCALITA' TURISTICHE DELLA PUGLIA MERIDIONALE e dintorni

In questa pagina riportiamo brevi notizie turistiche riguardanti  alcune città e località turistiche, non lontane dall'Altosalento.

* per le località dell'Altosalento vedi:  Ostuni   Ceglie   San Vito   Carovigno   San Michele   Valle d'Itria   Altri Comuni

 

CASTELLANA GROTTE, cittadina di 20.000 abitanti a sud di Bari vicina ad Alberobello.

Famosa per le grotte scoperte nel 1938, scavate dal corso di un antico fiume sotterraneo.

Le Grotte di Castellana formano il complesso speleologico più vasto e magnifico tra quelli fino ad oggi scoperti in Italia.

 

GALATINA, nel centro del Salento fra Gallipoli e Lecce, 26.000 abitanti.

Dal punto di vista turistico, conosciuta per la chiesa francescana di Santa Caterina d'Alessandria della fine del XIV secolo. Entrando ci si ritrova come catalpultati nella più famosa Basilica di Assisi, pareti e volte sono rivestite di affreschi..

La Basilica di Santa Caterina costituisce un esempio unico dell'architettura francescana nel sud Italia.

 

GALLIPOLI, sulla costa jonica del Salento, conta 20.000 abitanti.

E' composta da una parte moderna, con a ridosso meravigliose spiagge e dal meraviglioso nucleo antico medievale costruito su un'isoletta protesa nel mare.

A guardia dell'isola il Castello Angioino, nel centro del borgo antico la Cattedrale con sontuosa facciata barocca.

 

LECCE città di circa 100.00 abitanti, capoluogo di provincia al centro della penisola salentina.

Caratteristica peculiare dalla città è il "barocco leccese" una particolare forma artistica e architettonica sviluppatasi tra il seicento e il settecento.

I monumenti più significativi del Barocco, a Lecce, sono la Basilica di Santa Croce (1548-1646), la scenografica piazza del Duomo su cui si affacciano il Duomo (1659-1670) e il Seminario (1694-1709),  le chiese di Santa Irene, Santa Chiara, San Matteo. Tutto il centro storico è uno scrigno di bellezza con singolari palazzi barocchi.

Di epoca romana l'anfiteatro nella centrale Piazza Sant'Oronzo e il Teatro Romano nel borgo antico.

 

MANDURIA, cittadina di 30.000 abitanti fra Taranto e Lecce, conosciuta per il suo vino il "Primitivo di Manduria"

Antica città messapica conserva, nel parco archeologico, tratti delle mura megalitiche che circondavano la città. L'area archeologica custodisce una vasta necropoli ed il Fonte Pliniano, cavità sotterranea naturale così detto perché Plinio Il Vecchio ne parlò nella sua "Naturalis Historia" descrivendo il fenomeno del livello costante dell'acqua.   

Nel centro storico il rione detto "Ghetto degli Ebrei" abitato dalla comunità ebraica sino al XVI secolo.

La marina di Manduria, con le località joniche di San Pietro in Bevagna e Torre Colimena, presenta meravigliose spiagge e riserve naturali abitate da fenicotteri rosa (Salina dei Monaci). 

 

MATERA città di 60.000 abitanti, capoluogo di provincia, si trova in Basilicata al confine con la Puglia.

La parte più antica della città di Matera è quella dei “Sassi”.
I “Sassi” si formarono in seguito all’azione erosiva dell’acqua sul terreno carsico che provocò l’isolamento di zone di roccia e lo scavamento di caverne. “Sassi” significa appunto rione ingombro di macigni.
L’area dei Sassi si caratterizza con strade tortuose e in pendenza con vista e affaccio sulla gravina (profondo solco carsico simile ai canyon).

Il Sasso di Sud-Est si chiama “Caveoso” per il rilevante numero di case-caverne, mentre quello di Nord-Est si chiama “Barisano” perché orientato verso Bari.
Qui, adattando ad abitazioni le grotte, dividendo la casa con gli animali domestici e da lavoro come asini e buoi, ha vissuto per tanti secoli la maggior parte della popolazione di Matera.
In seguito a una legge del 1952 sullo “sfollamento dei Sassi” le ultime migliaia di famiglie abbandonavano le grotte per trasferirsi in quartieri residenziali o in borghi agricoli (come “La Martella” e “Venusio”) costruiti poco distanti dalla città per avvicinare il contadino alla terra.

Nelle immediate vicinanze dei Sassi la chiesa ipogea (sotterranea) dello Spirito Santo e la Cattedrale dedicata alla Madonna della Bruna protettrice di Matera.

Nel 1993 l’Unesco ha dichiarato i Sassi di Matera, Patrimonio Mondiale dell’Umanità. In questa occasione per la prima volta l’UNESCO utilizza, nei criteri e nelle motivazioni il concetto di Paesaggio Culturale.
Matera è, infatti, al centro di un incredibile paesaggio rupestre che conserva un grande patrimonio di cultura e tradizioni.
Per tutto questo, il 17 ottobre 2014 Matera è stata nominata Capitale europea della cultura per il 2019: per un anno intero la città mette in mostra la sua vita e il suo sviluppo culturale.

 

METAPONTO, oggi località balneare della Basilicata un tempo fiorente città della Magna Grecia.

Subito dopo il confine Puglia/Basilicata si notano, percorrendo la 106 Jonica, i resti del Tempio delle Tavole Palatine composti da 15 colonne doriche.

A quattro chilometri dal Tempio si trova l'area archeologica della città di Metapontum, fondata dagli Achei durante la seconda metà del VII sec. a.C.

Il Museo di Metaponto presenta la ricostruzione del quadro archeologico del territorio metapontino, dalla Preistoria, sino al periodo tardo antico.

 

MONOPOLI, città portuale di 50.000 abitanti fra Bari e Brindisi.

Si sviluppò nel Medioevo dopo la distruzione della vicina Egnazia. Fu un importante centro marinaro bizantino, normanno e veneziano.

Interessante il centro storico e il lungomare con il castello di Carlo V e il porto antico. La Cattedrale eretta agli inizi del II secolo conserva l'icona duecentesca della "Madonna della Madia". 

 

OTRANTO,  sull'Adriatico nel Basso Salento, il più orientale centro abitato d'Italia, conta 6000 abitanti.

Nel 1480 Otranto venne presa e messa a sacco dai turchi; nella Cattedrale (nella Cappella dei Martiri), sono conservate le ossa di 560 vittime di quell'eccidio.  La Cattedrale è un imponente esempio dell'architettura romanico-pugliese, risale all' XI secolo, ristrutturata alla fine del XV secolo e in età barocca.  Pregevole il soffitto seicentesco a cassettoni in legno dorato e il mosaico pavimentale del 1165.

IL nucleo antico di Otranto, quasi del tutto cinto da un turrito perimetro murario, in cui si apre la quattrocentesca porta Alfonsina, ha conservato il tessuto viario medievale. A chiudere il centro storico, sul mare, il  Castello, fatto erigere dagli aragonesi alla fine del XV secolo.

 

POLIGNANO A MARE, cittadina di 18.000 abitanti a sud di Bari.

La pittoresca parte antica è affacciata sul mare dall'alto di una frastagliata scogliera a picco, nella quale si aprono interessanti grotte, Questa località ha dato i natali a Domenico Modugno.

 

SANTA MARIA DI LEUCA, piccolo paese (frazione di Castrignano del capo), punta estrema del "tacco d'Italia" che segna l'unione delle acque del mare Adriatico con quelle del mare Jonio.

Sul promontorio, sorge il Santuario di Santa Maria di Leuca detto anche de "Finibus Terrae"; occupa il sito di un antico tempio dedicato a Minerva. Lungo la costa si aprono grotte accessibili via mare.

  

TARANTO, la seconda città della Puglia dopo Bari, capoluogo di provincia, conta 200.000 abitanti.

E' situata al centro dell'omonimo golfo dello Jonio, tra il Mar Grande e il Mar Piccolo un mare interno collegato al mare aperto dal canale di Porta Napoli e dal canale navigabile.  La città è quindi tutta circondata dal mare, bellissimi i suoi lungomari.  Il borgo antico, dove si trova il Duomo risalente all'anno 1000, è un'isola collegata alla terraferma dal Ponte di Porta Napoli e dal Ponte Girevole.

Taranto fu fondata dagli spartani nell VIII secolo a.c., e divenne la città più importante della Magna Grecia. La sua espansione verso l'interno della Puglia fu ostacolata dai Messapi che la sconfissero nel 473 a.c.  In seguito, l'egemonia di Roma portò alla fine della civiltà tarantina e della civiltà messapica nel 272 a.c.

Dell'arte e della civiltà della Magna Grecia e della Messapia si conservano testimonianze nel Museo Nazionale di Taranto che, dopo quello di Napoli, è il più importante dell'Italia Meridionale. Nel museo, il pezzo forte è rappresentato dagli "Ori di Taranto" preziosi oggetti d'ornamento e di abbigliamento femminile di età ellenistica.


Home

     Prossimi eventi     Strutture turistiche