altosalento riviera dei trulli         benvenuti in Puglia

Home
Su

 

Distretto turistico altosalentino

Il nostro cliente e il posizionamento continuo 

Considerazioni sui mercati turistici 

La descrizione fin qui fatta dei gruppi turistici che interessano la zona è tuttaltro che esaustiva, ma sono il punto di partenza per definire una strategia di marketing che selezioni i segmenti cui rivolgersi.

Una nozione base di economia si fonda sul principio che è la domanda che rende vendibile la quantità prodotta e offerta di un bene, vale a dire  l’offerta deve adeguarsi alla quantità e qualità richiesta dal mercato. Nel mercato turistico pertanto, un’area turistica deve offrire quanto richiesto dai suoi turisti. Una teoria precedente chiamata “legge di Say” affermava il contrario, cioè ogni produzione crea la propria domanda. In ambito turistico significa che l’offerta deve essere in grado di condizionare la domanda, la destinazione deve poter scegliere i propri visitatori e indirizzarli. Non intendo certo affermare di non preoccuparci delle esigenze dei nostri interlocutori, tuttaltro, intendo dire che identificati i segmenti in base alla nostra offerta, occorra coniugare le attese del mercato con i traguardi, gli obiettivi e la mission del distretto.

La strategia passa attraverso il focus sul turista la sua conoscenza e l’attenzione costante, la qualità intesa come adeguatezza alle aspettative del cliente-turista, l’autenticità e l’unicità del territorio, l’innovazione creativa e continua e infine, ma non ultimo, l’integrazione e la cooperazione fra gli operatori e attori della destinazione turistica.      

In questo scenario è basilare il sistema integrato dell’offerta, cioè quanto un territorio nel suo insieme riesca a creare: in un territorio tutto è vendibile a condizione che sia integrato nell’offerta “tematica”, nel sistema.

IL mercato oggi non richiede turismi diversi da offrire a segmenti diversi, ma richiede turismi plurimi inseriti in un prodotto, che vede il turista non soggetto passivo e contemplativo ma attivo e partecipativo. Inoltre si assiste a un lento attenuarsi della stagionalità, al diffondersi dello short break e a una forte richiesta di ambiente, paesaggi, cultura, gastronomia.

Con quanto detto finora, cerco di abbozzare una segmentazione a grandi linee; non  accurata e precisa come presupporrebbe uno studio appropriato, che esula dal presente lavoro.

home del sito

schema sunto e indice distretto turistico altosalentino